mercoledì 18 aprile 2018

Assemblaggi e modifiche nurglesche e Tzeentchiane (Nurgle & Tzeentch chaos daemons)

E' stato un periodo di magra dal punto di vista creativo, un periodo ricco di povertà e povero di ricchezza, un'intenso nulla condensato nello studio della didattica e di tutte quelle materie obbligatorie per avere accesso al concorso da insegnante.
Al momento, però, penso di essere abbastanza libero per riprendere i miei impegni modellistici da dove li ho lasciati qualche settimana fa.
E ne ho di bei pezzi da dipingere, eh!


Circa una sessantina, se non ho sbagliato i calcoli.

Partiamo dal quartetto nurglesco, dove potete vedere il colore di fondo dato a tutti i pezzi.


 Oltre allo strazia anime e al principe demone, il quartetto comprende lo scriba e lo zampognere di Nurgle. Non sono ancora del tutto assemblati per esigenze di pittura, ovviamente.


Lo strazia anime, come potete vedere, ha ricevuto aggiunte e "perfezionamenti" più che modifiche sostanziali.


A parte l'arma, divenuta un'alabarda, ho differenziato la chela "da cammino" rispetto a quella da combattimento.



Rimosso il becco immotivato, ho montato sul cannone dei pezzi che facciano quasi da mirino "triangolante", un po' come nel tiro con l'arco.


éiù in generale, il pezzo è ora un trionfo di punte, corna, teschi e catene e arti metallici più di quanto già non fosse. Dipingerlo sarà un processo lungo, ma ne varrà la pena.


A parte i pezzi nurgleschi, il grosso del lavoro viene da due scatole di orrori blu e di zolfo e da un carro di Tzeentch. Con un minimo lavoro di magnetizzazione, ho fatto in modo che il carro potesse trasportare sia un araldo che un pirodemone esaltato (exalted flamer).





Araldo assemblato senza libro? Come mai? Vedrete a breve.



Ovviamente tutti i pezzi hanno una basetta "di proprietà" per giocarli a piedi, così come i tre orrori blu della ciurma.


Monta, smonta. Magnetizza, smagnetizza. 



Col resto del carro, più bits e pezzi vari, ho costruito una versione personalizzata degli Scribi Blu (Blue Scribes of Tzeentch), due diabolici demonietti che Tzeentch usa, nei mondi di Warhammer, per raccogliere e trascrivere i frammenti di magia perduta.


Ecco qua: libri, pergamene, rotoli, frammenti di inchiostro, penne...



Le mani verranno dipinte come se protendentesi dal disco stesso, per la cronaca. E la lancia? Boh, mi ispirava mettercela, forse è il resto materiale di qualche incantesimo subito.



Anche i due scribi sono montabili sul disco, quantomeno fino a che non avrò dipinto tutto: con i due tangheri sopra diventerebbe difficile fare giustizia a questo intrico di assemblaggi rutilanti.




Bene, tanta roba da dipingere! Ce la farò entro giugno? Spero di sì, ma temo di no.

martedì 27 marzo 2018

Di Nurgle e principi demone (Bane Daemon Prince, kitbashed Nurgle daemon prince, nurgle soul grinder-to be)

Nel modellismo, la parte che più mi soddisfa è quella delle modifiche, dell'assemblaggio e dell'immaginare nuove forme: la pittura mi prende poco, non c'è niente da fare. Così, a questa tornata, mi sono dedicato più a scolpire e assemblare che a dipingere.
Ho fatto anche qualche altro lavoro prima di questi, ma è dai due "gemelli di scatola" che voglio partire.  Due principi demone, uno dedicato a Nurgle e l'altro gloriosamente fedele sono a se stesso, due conversioni che avevo in mente da tempo (l'untore è lì solo per confrontare le taglie).



La prima idea, vecchia di almeno cinque anni, è quella di un principe demone che riprenda Bane, una delle tre nemesi di Batman. Una modifica molto semplice, che verrà risolta più in sede di pittura che altro, ma che è semplicemente troppo gustosa per non essere fatta.







Minimo sforzo, massimo risultato. Diverso è invece il discorso per quel che ho costruito con l'altra metà dei pezzi del kit: un principe demone-mecha-zombie di Nurgle con qualche riferimento a Evangelion. L'idea del mecha guidato dai nurglini mi girava in testa da tempo, e avendo mezzo kit in avanzo l'occasione era troppo ghiotta.


Sono partito dalle gambe di una macchina penitente, quella da cui nel 2010 ricavai il mio primo strazia anime, per ricavarne con l'aggiunta di bits vari due belle gambe meccaniche, demoniache e nurglesche.


Le ali sono mosconiane e prettamente da mecha, come rivela anche il pilota di fianco, il fido nurglino-Shinji.


L'ho dovuto dipingere anticipatamente perché, a modello ultimato, è stato chiuso nel suo alloggiamento.


Non vi preoccupate: nessun nurglino è stato maltrattato durante la realizzazione di questa miniatura, eh!



Vedete? Se aguzzate la vista scorgete i suoi tratti; ciao, stupinurglishinji!


Ecco qui, quindi, il pezzo finito (spoiler: poi ho aggiunto uno spallaccio, ma le foto erano già fatte)


Mezzo corpo e una lancia ficcata nelle carni, il demone-Lilith è lì che ci aspetta.







L'aspetto zombie verrà evidenziato molto nella pittura: carni pallide, inserti metallici in luogo di denti e ossa, solo i nurglini verdi a dare un tocco di colore e vivacità.


La lancia di Longinemesis! L'arma che uccise il nostro demone, gettando i prodi nurglini nello sconforto fino a che non trovarono il modo di riassemblarlo. Più o meno.



"Che, me lo dai un passaggio in pancia?"


"Esh, che burino, i passaggi in pancia! Io me li faccio dare in spalla!"


Ovviamente anche la basetta vuole la sua cura, no? Notate che il demone è incollato con attak e vinavil, più perni. Mai che si stacca dalla basetta. Mai.


Ultimo e non ultimo: ieri mi è arrivato un pezzo già modificato pesantemente da terzi, uno strazia anime di Nurgle. C'è molto da lavorarci, e ho già iniziato a risistemare alcuni aspetti: anche qui molto farà la pittura, ma proprio per far apprezzare quel che sto facendo con bits e stucco ho pensato di fare qualche foto del "prima".


La posa è ottima, e anche la mancanza di chela anteriore ben si sposa col dargli in tutto 7 arti, come 7 è il numero sacro di Nurgle. Quel che manca sono i dettagli nella pelle.


E questo becco, questo becco è inguardabile e immotivato.


La sua ascia diverrà un'alabarda, signor demone, sa?


Ed ecco i bits previsti: lancia, braccino corto, sfiatatoi, mitragliatrice coassiale, più spuntoni vari.